[Oa-italia] Cell lancia una nuova rivista OA

Franco Bungaro franco.bungaro a unito.it
Lun 6 Feb 2012 08:52:59 CET


> il secondo e' che le riviste servono per la carriera
accademica, non si puo' sostenere come fa Harnad che
l'unica via per l'OA sia quella verde perche' farlo
significa non comprendere in pieno i meccanismi della
comunicazione scientifica.

Ehm. Meno male che Harnad non è iscritto a OA Italia...


> Le riviste portano con se' una reputazione che viene
valutata enormemente in sede concorsuale.

Appunto.


Il giorno 05 febbraio 2012 17:25, <maria.cassella a unito.it> ha scritto:

> Come sempre proponi delle riflessioni stimolanti, Antonella.
>
> Diciamo che la mia idea sulla via rossa e' solo un po'
> diversa dalla tua, cerco di spiegare molto brevemente il
> perche'.
>
> Neanche a me piace questa commercializzazione dell'OA da
> parte degli editori for-profit (una moda? una strategia
> per chiamarsi OA senza esserlo? un modo abbracciare senza
> farsi male il modello?) ma la riflessione deve essere
> messa in relazione anche all'entità delle fee richieste.
> 5000 euro e' una cifra iperbolica ma ci sono numerose
> riviste che chiedono fee decisamente piu' basse per
> pubblicare, penso ad esempio ad alcune riviste di area
> umanistica.
> Cosi' anche le universita' che hanno sottoscritto
> l'accordo COPE che si impegnano a sostenere il pagamento
> di fee che siano "ragionevoli ed eque". L'accordo non
> sostiene la via rossa ma solo le riviste OA che richiedono
> agli autori APC.
>
> Perche' allora non possiamo stigmatizzare del tutto la via
> rossa?
> Direi per due motivi:
> il primo e' che seppure in pochi pochissimi casi gli
> editori hanno dichiarato ( se sia vero o no e' un problema
> professionale che li riguarda) di avere contenuto gli
> aumenti delle riviste grazie ai ricavi ottenuti dalle APC.
>
> il secondo e' che le riviste servono per la carriera
> accademica, non si puo' sostenere come fa Harnad che
> l'unica via per l'OA sia quella verde perche' farlo
> significa non comprendere in pieno i meccanismi della
> comunicazione scientifica.
> Le riviste portano con se' una reputazione che viene
> valutata enormemente in sede concorsuale.
> Si pensi all'esempio delle riviste nel campo della fisica
> per le alte energie. I fisici comunicano da decenni i
> risultati delle ricerche scientifiche archiviando i
> preprint in ArXiv, gli stessi articoli vengono pubblicati
> mesi dopo in un piccolo set di riviste altamente
> specializzate che e' plausibile che nessuno legga perche'
> sono stati gia' scaricati e letti in precedenza.
> Le riviste servono per la reputazione accademica. Il fatto
> che con SCOAP3 tali riviste dovrebbero adottare il modello
> OA non ne diminuisce il valore per la comunità dei fisici
> che, infatti, ha deciso di mantenerle in vita pagando
> annualmente agli editori 10 milioni di euro, euro piu',
> euro meno. Se vi sembrano pochi...
>
> saluti alla lista
> mc
>
>
> > ------------------ Messaggio originale -------------------
> > Oggetto: Re: [Oa-italia] Cell lancia una nuova rivista OA
> > Da:      "Antonella De Robbio"
> > <antonella.derobbio a unipd.it>
> > Data:    Gio, 2 Febbraio 2012, 5:17 pm
> > A:       "Lista di discussione su temi relativi
> > all'accesso aperto" <oa-italia a openarchives.it>
> > ----------------------------------------------------------
> >
> > Concordo in pieno con Tessa...
> > questo è il tipico esempio di VIA ROSSA
> > Il problema sta alla radice secondo me: non è trovare modi
> > dentro l'OA
> > o modelli più o meno OA, ma il punto è che la struttura
> > attuale della
> > catena del valore dei processi della comunicazione
> > scientifica non
> > regge più e che quindi vanno trovati altri "modi". Mi
> > riferisco alle
> > forze e alle funzioni dei processi di ricerca in relazione
> > all'ambiente sociale: da torre d'avorio a produzione
> > strategica
> > (Roseendaal).
> > I vari editori commerciali stanno strumentalizzando l'OA,
> > un po'
> > perché tanto fa tendenza, quasi è di moda (CC comprese),
> > un po' perché
> > così portano i ricercatori a demonizzare il pubblicare il
> > accesso
> > aperto perché costa un occhio...
> > Quello che manca - nel panorama in particolare italiano -
> > è conoscere
> > quanto si pubblica davvero, o meglio quanto si produce
> > (come output di
> > ricerca) in relazione a quanto viene pubblicato. I dati:
> > abbiamo
> > bisogno di dati. Ma poiché gli archivi aperti sono vuoti
> > questi dati
> > non li abbiamo, visto che l'unica cosa che conta (adesso,
> > ma lo sarà
> > anche domani) è essere valutati e quindi gli archivi
> > aperti in Italia
> > sono dei surrogati strumentali alla valutazione, ma solo
> > di striscio
> > peraltro (fossero davvero dei luoghi dove servissero
> > all'esercizio
> > della valutazione come avviene in RAE/UK sarebbe
> > diverso)...
> > Se avessimo i dati, tutto dentro gli archivi aperti allora
> > riusciremmo
> > anche ad avere statistiche su:
> > - quanto si pubblica sulla rivista X
> > - quanto si pubblica in generale su riviste
> > - quanto diviene monografia
> > - quanto va a finire in congressi
> > - quanti brevetti e quali e per quali aree di sviluppo
> > - quanto resta nel limbo (%)
> > e si potrebbero fare dei conti: se un certo numero di
> > articoli vengono
> > pubblicati da quella determinata istituzione (e poi via
> > via su larga
> > scala a livello nazionale...) in una determinata rivista
> > ... beh... se
> > ci costa X pubblicare un articolo adottando la via rossa,
> > è facile poi
> > fare due conti e sapere quanto costerebbe "liberare" tutta
> > la
> > rivista...
> > Ma dovrebbe essere un'azione congiunta, collaborativa,
> > estensiva... ma
> > potrebbe partire che so su alcune riviste mirate, tutti
> > gli autori che
> > pubblicano là adottano la via rossa e nessuno paga la
> > quota
> > subscription per quell'anno...
> > In questo modo queste riviste diverrebbero realmente OA.
> > Voglio dire,
> > dipende da noi, non da loro. E' ovvio che chi ha il
> > monopolio se lo
> > tiene stretto.
> > Ma chi sgancia i quattrini dovrebbe riflettere. La forma
> > di boicot di
> > questi giorni attuata dal matematico Tim Gowers -
> > vincitore della
> > Medaglia Fields c la massima onorificenza per matematici
> > di età
> > inferiore ai quarant'anni, premio equiparato al Nobel per
> > la
> > matematica - la dice lunga...
> > antonella
> >
> > Il 02 febbraio 2012 13:25, Tessa Piazzini
> > <tessa.piazzini a unifi.it> ha scritto:
> >> Faccio molta fatica a non arrabbiarmi leggendo di questi
> >> editori
> >> commerciali che, oltre a far pagare gli abbonamenti alle
> >> loro riviste,
> >> si travestono da magnanimi aprendo riviste OA e
> >> chiedendo agli autori
> >> una fee di 5000 dollari per articolo (!!).
> >> Come facciamo a chiedere ad un ricercatore di
> >> un'università pubblica
> >> italiana di schierarsi a favore dell'OA, finchè saremo
> >> costretti a non
> >> poter rinunciare ai big deal degli oligopolisti STM?
> >>
> >> Tessa Piazzini
> >> Responsabile del Servizio di informazione e
> >> comunicazione all'utenza
> >> Biblioteca Biomedica http://www.sba.unifi.it/biomedica
> >> Università degli studi di Firenze
> >> Largo Brambilla 3
> >> 50134 Firenze
> >> tel. 055 4598044
> >> fax 055 4221649
> >> e-mail: tessa.piazzini a unifi.it
> >> Blog Bibliomedica In-forma:
> >> www.bibliotecabiomedica.wordpress.com
> >>
> >>
> >> Il 31/01/2012 22:21, maria.cassella a unito.it ha scritto:
> >>> Cell lancia una nuova rivista OA: Cell reports. A
> >>> gennaio
> >>> è stato pubblicato il primo numero
> >>> http://cellreports.cell.com/ .
> >>> Saluti
> >>> mc
> >>>
> >>> _______________________________________________
> >>> OA-Italia mailing list
> >>> OA-Italia a openarchives.it
> >>> http://openarchives.it/mailman/listinfo/oa-italia
> >>> PLEIADI: http://www.openarchives.it/pleiadi/
> >>>
> >> _______________________________________________
> >> OA-Italia mailing list
> >> OA-Italia a openarchives.it
> >> http://openarchives.it/mailman/listinfo/oa-italia
> >> PLEIADI: http://www.openarchives.it/pleiadi/
> >
> >
> >
> > --
> > Antonella De Robbio
> > CAB Centro di Ateneo per le Biblioteche
> > Università degli Studi di Padova
> > Via Anghinoni, 3
> > 35121 PADOVA (ITALY)
> > ++ 39 049 8273654
> > ++ 334 6960555
> >
> > ""Chi ha trascurato la propria educazione non sa fare uso
> > della
> > propria libertà". Kant
> >
> > _______________________________________________
> > OA-Italia mailing list
> > OA-Italia a openarchives.it
> > http://openarchives.it/mailman/listinfo/oa-italia
> > PLEIADI: http://www.openarchives.it/pleiadi/
> >
> >
>
> _______________________________________________
> OA-Italia mailing list
> OA-Italia a openarchives.it
> http://openarchives.it/mailman/listinfo/oa-italia
> PLEIADI: http://www.openarchives.it/pleiadi/
>
>


-- 
Franco Bungaro
Coordinatore Sistema Bibliotecario d'Ateneo

Università degli Studi di Torino

tel +39 011-6705574
cell. 3204647614
website http://www.sba.unito.it/

----

Questo messaggio di posta elettronica  e gli eventuali allegati sono
suscettibili di contenere informazioni di carattere confidenziale
rivolte esclusivamente al destinatario. La diffusione, la
distribuzione o la riproduzione non possono avvenire che per esplicito
assenso scritto del mittente.
Se ricevete questo messaggio di posta elettronica per errore,
segnalatelo per cortesia immediatamente al mittente e distruggete
quanto ricevuto (compresi i file allegati) senza farne copia.

"La cosa seccante di questo mondo è che gli imbecilli sono sicuri di
sé, mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi." (B.Russell)
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: <http://liste.cineca.it/pipermail/oa-italia/attachments/20120206/83d2ea9a/attachment-0002.html>


Maggiori informazioni sulla lista OA-Italia